Archivio mensile:maggio 2012

Cos’è e perchè chiediamo il telelavoro

che cos’è
  • è una modalità lavorativa prevista dal nostro contratto di categoria che permette al lavoratore di lavorare da casa anzichè in azienda.
  • È preivisto dall’art.22 del nostro ccnl il che dimostra CHE SI PUÒ FARE!

perchè scegliere il telelavoro adesso

  • perchè non possiamo permetterci il lusso di perdere il posto di lavoro.

perchè è socialmente responsabile

  • permetterebbe di risparmiare energia e risorse per produrrla.
  • minimizzerebbe l’impatto ambientale dovuto alla mobilità privata e alla riduzione dello smog.
  • gli spazi lasciati liberi all’interno dell’ azienda potrebbero essere utilizzati per allestire asili aziendali o strutture simili per i figli dei lavoratori che continuerebbero a lavorare in azienda.
  • Eviterebbero le continue de-localizzazioni legando maggiormente il lavoro al territorio.

I vantaggi per Te

  • vantaggio economico: riduzione dei costi per il trasferimento da casa in azienda, in un momento in cui i prezzi dei mezzi pubblici e della benzina aumentano considerevolmente.
  • riduzione dello stress provocato da lunghi tempi di percorrenza nel traffico caotico delle nostra città, e dalla scarsa efficacia dei mezzi pubblici.
  • Migliore gestione del proprio tempo e una migliore pianificazione della vita per tutti coloro che hanno la necessità di conciliare gli impegni familiari con l’esigenze lavorative.

FIRMA LA PETIZIONE E PARTECIPA ALLA RACCOLTA DELLE FIRME


  • contatti | infosipuofare2012@gmail.com


…e se fosse tutto molto più semplice?


Consapevoli del persistente stato d’incertezza sul nostro futuro lavorativo, dei disagi derivanti dagli ultimi spostamenti del personale presso la sede di via Casal Boccone e la probabile chiusura del centro di via lamaro, sfiancati dal silenzio assordante che si è creato intorno alla vicenda dove ancora nessuna proposta è stata presentata per superare l’attuale stato di crisi, abbiamo pensato di considerare come una possibile soluzione all’attuale crisi l’utilizzo del telelavoro prevista dal nostro CCNL (art.22).

 Convinti che l’impatto a livello economico e di qualità delle nostre vite, possa essere migliorato grazie anche all’utilizzo di questa tipologia lavorativa moderna e in uso in moltissimi paesei europei, abbiamo creduto possibile attivarci per poter presentare una raccolta firme da consegnare all’Azienda e alle istituzioni quali: Ministro del Lavoro, Ministro dello sviluppo, Unione Industriali e Asstel.

 Telelavoro per molti di noi significherebbe poter superare tutta una serie di ostacoli per la gestione dei periodi di post-maternità e di tutte quelle problematiche legate alla turnazione e all’assistenza dei propri familiari, nonchè una gestione più umana del nostro tempo.

 L’uso del telelavoro a nostro avviso, ci renderebbe tutti socialmente responsabili di fronte a due grandi questioni quali l’inquinamento e la mobilità di una grande città come Roma.

Non avendo sedi e spazi per poterci organizzare abbiamo attivato una pagina su facebook e messo in linea un blog aperto a tutti.

contatti: infosipuofare2012@gmail.com


Campagna per il telelavoro


Questo blog nasce dall’esigenza di alcuni lavoratori del call-center Almaviva Contact di Roma, di dare visibilità ad una campagna denominata SI PUO FARE! per promuovere il Telelavoro in azienda.

L’idea nasce dalla volontà di proporre una via d’uscita, socialmente responsabile, ad una situazione diventata ormai insostenibile e di perenne incertezza che in questi ultimi anni ha caratterizzato la nostra quotidianità lavorativa in azienda.

Abbiamo così deciso di pianificare una raccolta firme tra i dipendenti per l’applicazione del art. 22 del CCNL (contratto telecomunicazioni).

Nei prossimi giorni pubblicheremo le date e le modalità per la raccolta delle firme.

Al termine della campagna consegneremo la petizione all’azienda e alle istituzioni quali: Ministero del Lavoro, Ministero dello svilluppo, e Asstel.

Si Può Fare!